Nel marzo 2021, su iniziativa di un team di volontari (il programma di leadership “Space Game 206”), abbiamo dato il via alla raccolta fondi “Vita senza confini” per il primo anno pilota di una casa di transizione per sei ragazze dell’orfanotrofio di Bohodukhiv nell’ambito del progetto “Piccolo universo”.

.

 

Obiettivo della campagna: raccogliere 38.385 € (1.204.940 grivnie).

 

 

Ogni giorno scopriamo il mondo, godiamo della sua varietà e a volte non ci accorgiamo che questa è una possibilità unica. Eppure, ci sono persone che trascorrono tutta la vita in strutture chiuse, in orfanotrofi. E anche quello che per noi è semplice, ovvio, per loro è qualcosa di inaccessibile. Non sanno come passeggiare tutto il giorno per la città, fare un pic-nic nel parco o andare al cinema, rincorrere il tram o prendere la metro. Cosa significa fare un lavoro che si ama o invitare gli amici a casa propria. Hanno tanti talenti, ma non hanno la possibilità di mostrarli al mondo.

 

Proprio per questo nel 2019 l’ONG “Emmaus” ha avviato il progetto “Piccolo universo” indirizzato all’adattamento di sei ragazze dell’orfanotrofio di Bohodukhiv alla vita fuori dall’istituto.

 

Donazione unica
Donazione periodica
10
15
20
50
100

Perché è così importante?

Queste ragazze sono portatrici di disabilità mentale e non hanno familiari che possano prendersi cura di loro. Per questo motivo rimangono in orfanotrofio fino ai 35 anni, poi passano in un istituto psiconeurologico – un istituto analogo al precedente ma per adulti – e, nella maggioranza dei casi, questa è l’unica possibilità per i giovani con disabilità mentale.

Obiettivo del progetto:

 

Aprire una casa di transizione per sei ragazze con disabilità mentale e creare le condizioni per assicurar loro una vita dignitosa nella società a lungo periodo.

 

Ciò sarà possibile mediante l’elaborazione e l’attuazione di programmi di sviluppo individuali per le assistite e di integrazione sociale.

Ambiti di lavoro della casa per cui è necessario un finanziamento:

– Affitto dell’appartamento,

– Adattamento domestico e sociale,

– Formazione,

– Orientamento professionale,

– Accompagnamento psicologico,

– Supporto medico / riabilitazione,

– Inserimento lavorativo

Fasi del progetto:

1) 2019-2021 Preparazione: lezioni settimanali presso l’orfanotrofio / online, corso di lettura lenta, colloqui individuali, gite nella città di Kharkiv, incontri di gruppo con i beneficiari e il team di Emmaus, masterclass nella Bottega Emmaus, sviluppo di programmi individuali di accompagnamento

2) Adattamento alla vita fuori dall’orfanotrofio: vita in un appartamento/i sotto la supervisione costante del team di Emmaus, sviluppo delle abilità per la vita quotidiana e pianificazione della vita, gestione finanziaria, supporto psicologico, sviluppo emotivo, orientamento professionale

3) Stabilizzazione: valutazione delle abilità per vivere autonomamente e correzioni del coinvolgimento dei mentori, realizzazione di programmi individuali di sviluppo, accompagnamento nell’inserimento lavorativo

4) Creazione di una Casa di accoglienza
(una delle varianti è con il sostegno dello Stato)
con la possibilità di trascorrere lì tutta la vita

Perché proprio “Emmaus” realizza questo progetto:

L’ONG “Emmaus” ha un’esperienza decennale nell’ambito dell’adattamento alla vita autonoma di giovani con disabilità fisica e ragazzi usciti dall’orfanotrofio.

 

Dal 2011 abbiamo aperto 7 case per giovani con disabilità e ragazzi usciti dall’orfanotrofio, e ogni giorno condividiamo con loro le sfide e le gioie della vita quotidiana.

 

Il progetto “Piccolo universo” è la prima esperienza di stretta collaborazione con un orfanotrofio nella storia di “Emmaus”. Ciò è stato possibile perché l’amministrazione e il team educativo dell’orfanotrofio di Bohodukhiv si sono interessati e hanno cercato delle alternative per le ragazze dopo l’uscita dal loro istituto.

DA RACCOGLIERE
0 UAH